giovedì 1 settembre 2016

Level UP per Puzone

Il motociclismo ad agosto non si ferma di certo: i fortunati che rimangono a casa dalle ferie ne approfittano per fare giri più lunghi, magari di più giorni, oppure si dedicano alla propria moto, curandola con la calma che solo le vacanze estive possono dare. 


Oppure si dà, come sempre, gas a due mani. Il primo nome che mi salta in mente è Swan Puzone. Durante l’appuntamento della Bridgestone Cup, che si è venuto nel weekend del 27 e 28 agosto, sono stati portati ulteriori miglioramenti, sia per quanto riguarda l’efficacia in pista, sia la preparazione mentale alla gara. Grazie anche a degli ottimi test pre-gara, fatti in condizioni simili, il passo avuto sin dalle prime battute della Q1 del mattino è stato buono; “si inizia finalmente a girare su tempi interessanti!”. Purtroppo i tempi non sono scesi nel corso del pomeriggio, a causa delle alte temperature e ai problemi di ciclistica; a quanto pare, Swan in questo appuntamento è riuscito a toccare il limite dinamico della sua Yamaha R6. Per la gara ha deciso di non toccare nulla, tenendo pure la stessa gomma usata nella Q2. 

La gara della domenica, che si è disputata sotto un sole importante, non ha permesso a Swan di esprimersi come ha fatto in qualifica 1, il monoarmotizzatore aveva bisogno di regolazioni  che prima non erano necessarie, ma il passo tenuto in gara è stato, a detta di tutto il team, molto interessante. Il cambio della sola gomma posteriore e un’ottima condotta hanno permesso a Swan di portare a casa la coppa del secondo classificato di categoria. Nemmeno la squadra pensava che il loro pilota potesse raggiungere certi obiettivi: dopo la gara di Magione, dove è stato sperimentato un diverso approccio mentale alla gara, anche se è necessario lavorare su un aspetto:  la paura di tornare a sentirsi impacciati come nelle prime gare.

Come ha detto Swan Ogni volta che scendo ho sempre la paura che quando risalgo torno ad essere impacciato, ma è solo una fissa mentale perché vedo che ogni volta che risalgo va sempre meglio”. Problema analizzato e compreso, ora è solo da risolvere. In sintesi, ora non ci sono scuse per non andare forte, sta tutto nel suo polso e nel suo cuore.